La Paganella

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Trento Trento
Altezza 2,125 m, m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°11′N 11°04′
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Alpi Retiche meridionali
Sottosezione Dolomiti di Brenta
Supergruppo Gruppo di Brenta e della Paganella
Gruppo Gruppo della Paganella
Codice II/C-28.IV-A.2

La Paganella è una vetta che si trova in Provincia di Trento ed interessa i comuni di Fai della Paganella, Andalo, Molveno, Terlago e Zambana. È la montagna che domina la città di Trento da Nord-Ovest.

Si tratta di un piccolo gruppo montuoso composto da alcune cime, di cui la vetta più alta è la Roda, con un’altezza di 2125 metri. Le cime minori sono gli Spaloti di Fai e il Becco di Corno a nord, gli speroni Annetta e Vettorato a sud. Sulla vetta è ubicata la stazione meteorologica di Paganella, ufficialmente riconosciuta dall’organizzazione meteorologica mondiale, che costituisce un punto di riferimento per lo studio e l’analisi del clima della corrispondente area alpina.

La Paganella, con il suo sopraccitato unico panorama della Val d’Adige che offre, ha ispirato pure un canto alpino intitolato appunto “La Paganella”. Questo brano per sole voci maschili dalla tipica allegra sonorità della musica corale di montagna è molto conosciuto soprattutto nelle registrazioni del famoso Coro della SAT: la struttura musicale si impone fra le più complesse nel repertorio della musica di montagna, ed è accompagnata da un testo (in dialetto trentino) che accenna immancabilmente alla compagnia femminile e alla degustazione di vino, il tutto sulla sommità della Paganella elevata ormai a cima quasi sacra. Dal testo alcuni versi tradotti riportano la grandiosità della vista godibile dal versante est:

“La Paganella è la vista del Trentino… …Da lassù si vede il cielo, i torrenti e le vedrette. Da una parte i Trenta Laghi, e d’Asiago l’altipiano; e dall’altra S. Martino e giù giù fino a Milano”